MAURO GIORDANI Non esiste una «buona alternanza», se non accettando la logica e l’ideologia della «buona scuola» (lettera)

L’alternanza scuola-lavoro è la sintesi massima del progetto renziano/neoliberista sulla scuola.

È negazione del diritto allo studio. È negazione del ruolo centrale della scuola e della cultura. È la centralità formativa assegnata al lavoro.

Al lavoro minorile, gratuito, coatto, ricattato, senza diritto alcuno, molto spesso infame e senza possibilità di critica. L’alternanza scuola lavoro è solo questo.

Non esiste una “buona alternanza”, se non accettando la logica e l’ideologia della “buona scuola”. Chi osa criticarla tocca evidentemente un nervo scoperto, una contraddizione imbarazzante…

Gli studenti del Federico II di Napoli stigmatizzati e denunciati perché hanno osato esporre un cartellino di critica la Domenica delle Palme, quando sono stati costretti, in giorno festivo, a fare da “volontari” per la giornata del FAI.

Ad uno studente di Carpi è stato assegnato il 6 in condotta (in corso d’anno, non agli scrutini!!!!) perché su un social ha osato dire che la sua esperienza era priva di aspetti formativi e ripetitiva.

Gli studenti di Firenze che denunciavano la verità ormai palese e vissuta sulla loro pelle – che l’alternanza non è formazione ma solo sfruttamento minorile per il quale le aziende ricevono finanziamenti dalle nostre tasse – sono stati caricati dalla polizia.

L’Invalsi e l’Alternanza sono collegati dalla visione che la formazione si deve ridurre alla “compilazione di un curriculum”, con una valutazione ottenuta misurando le “competenze” raggiunte… settoriali, frammentate, arbitrarie, decontestualizzate…  a prescindere dalle conoscenze… In comune hanno l’obiettivo di disciplinare studenti e studentesse ad aderire senza discutere a modelli che vengono loro imposti dall’alto. Quando l’obbedienza diventa virtù: valutata agli esami di stato, requisito per il percorso futuro.

I nostri figli e le nostre figlie non sono estranei a questo destino, a meno che non ci mobilitiamo da subito per cancellare questa nefandezza insieme alla legge della “buona scuola” di Renzi, all’Invalsi e a tutti i provvedimenti degli ultimi governi che vogliono cancellare il libero pensiero ed il diritto alla critica. Dobbiamo farlo per loro.

Cominciamo dall’Invalsi, non mandando a scuola bambini e bambine nei giorni dei quiz organizzandoci solidarmente in prima persona.

https://www.infoaut.org/saperi/sciopero-dell-alternanza-cariche-sul-corteo-degli-studenti-a-firenze
https://www.infoaut.org/saperi/6-in-condotta-a-chi-critica-l-alternanza-scuola-lavoro

Mauro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...